Bruciore di stomaco vai via! Il reflusso gastroesofageo e vari rimedi!

Bruciore di stomaco vai via! Il reflusso gastroesofageo e vari rimedi!

 

 

Spegni il bruciore di stomaco!

Si stima che più di un terzo degli italiani ne soffra almeno una volta al mese. Parliamo di reflusso gastroesofageo, comunemente noto come bruciore di stomaco.

Avete presente quella spiacevole sensazione di improvviso e forte calore all’altezza dell’esofago, magari accompagnata da tosse e salivazione affaticata? Si tratta dell’infiammazione della mucosa dell’esofago provocata dalla risalita dei succhi gastrici e dalla bile.

Reflusso: attenzione al bruciore di stomaco!

È un fenomeno molto diffuso nei paesi occidentali dove l’obesità diventa giorno dopo giorno più comune tra grandi e piccini. Questo tipo di disturbo implica un’alterazione dei meccanismi fisiologici di protezione dal reflusso.

Viene così compromesso il buon funzionamento dello sfintere esofageo inferiore, che è il meccanismo principale deputato a bloccare il materiale gastrico dal risalire. Un sistema di combinazione che, come tutto il corpo umano, vive in un sottilissimo equilibrio, quasi come in una macchina.

Reflusso gastro esofageo: perché? Esistono rimedi efficaci?

Diverse e numerose le cause del reflusso gastroesofageo, su tutte il sovrappeso che, caratterizzato da depositi di grasso addominale, gioca un ruolo importante. L’accumulo di grasso comporta un aumento della pressione all’interno del compartimento addominale e quindi dello stomaco, che tende a spingere il contenuto gastrico verso l’alto. Ma non solo, contribuiscono all’insorgere del reflusso anche il fumo, malattie neurologiche autoimmuni, nonché l’assunzione cronica di alcuni farmaci. Come per moltissimi altri disturbi anche lo stress può dare una spinta al manifestarsi della malattia.

Come si può agire?

In vari modi, in primis cerchiamo di rallentare il più possibile la nostra masticazione. Masticare in maniera lenta  ha un effetto a cascata su tutto il processo digestivo e, in un certo senso ci costringe anche a prendere con la dovuta calma il momento del pranzo, limitando fenomeni di alimentazione compulsiva e fornendoci sensazioni di sazietà molto maggiore.

Ma il dato scientifico sconcertante è che una lunga masticazione è in grado a livello cerebrale di indurre il dimagrimento. Gli effetti di una corretta masticazione nel nostro caso riducono i fenomeni di intolleranza alimentare, riducono i fenomeni fermentativi e putrefattivi ai danni del colon, prevengono danni e patologie della mucosa gastrica, velocizza e regolarizza i processi digestivi, migliore qualità del sonno come conseguenza di un rapido completamento dei processi digestivi serali prima di coricarsi.

Controllare l’infiammazione da cibo in questi casi è fondamentale, così come iniziare un percorso nutrizionale che ci permetterà di stare di nuovo bene, ritrovando la nostra funzionalità gastrointestinale. Rivolgiti al nostro studio a Cosenza e Milano. Vivi appieno la tua estate!

Responsabile dello studio Nutrilab di Cosenza e Milano

Dott. Francesco Garritano

autore3

 

 

 

 

Contattaci!

[vc_contact_form form_email=”francesco.garritano1976@gmail.com” form_name_field=”required” form_email_field=”required” form_phone_field=”required” button_type=”primary” button_outlined=”0″]

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}