Conoscevi le proprietà della melanzana? Scoprile con me…

Conoscevi le proprietà della melanzana? Scoprile con me…

 

Melanzana

Ultimo giorno di settembre, riprendiamo l’appuntamento con la stagionalità e con le gustose ricette  per mangiare in modo sano ed equilibrato.

Quando ti rechi al banco frutta e verdura del tuo supermercato di fiducia e metti nel tuo bel sacchetto della spesa le melanzane, sai cosa realmente stai acquistando?

Scoprilo insieme a me!

La melanzana è una bacca prodotta da una pianta che appartiene alla famiglia delle Solanaceae; originaria dell’India sembra che l’Europa sia venuta a conoscenza di questo prezioso ortaggio a partire dal sedicesimo secolo.

La melanzana non è commestibile da cruda per via del suo contenuto (inversamente proporzionale al grado di maturazione)  in solanina (alcaloide tossico inattivato con la cottura); proprio per questo motivo sembra che il suo nome, in origine “petonciana”, sia stato mutato in “melangiana”  e  successivamente in melanzana il quale aveva l’interpretazione popolare di “mela non sana”.

L’Italia si colloca in Europa tra i principali produttori;  nel Bel Paese si ha una grande produzione nelle aree del centro-sud, infatti per la crescita della pianta di melanzana è necessario un clima caldo e con temperature che non scendano al di sotto dei 12 gradi.

Quando compri le melanzane assicurati che la parte con il picciolo non sia diventata secca ma sia ben attaccata al frutto, la cui buccia dev’essere ben tesa e senza ammaccature.

Questa bacca contiene preziosi minerali quali magnesio, fosforo, manganese e potassio; sono presenti vitamine del gruppo B quali B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C e vitamina K.

 

La melanzana è una verdura presente tutto l’anno, cruda ha un gusto piuttosto amaro che tuttavia si perde con la cottura, generalmente presente ed adeguata in numerose ricette è un ortaggio piuttosto digeribile, ma che necessita di un’attenzione nei condimenti in quanto assorbe molto bene i grassi tra cui l’olio.  La melanzana possiede un potere antiossidante, risulta così essere un valido aiuto per combattere i radicali liberi; contiene flavonoidi, acido caffeico ed in particolare contiene un composto chiamato Nasunin il quale sembra essere per l’appunto un potentissimo antiossidante.

Ma non è finita, infatti esiste anche un altro composto nelle melanzane ad avere un forte potere antiossidante, l’acido clorogenico; secondo alcuni ricercatori statunitensi questo composto oltre ad abbassare il colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo cattivo), possiede proprietà antimutagene, vale a dire proprietà che prevengono le mutazioni che porterebbero allo sviluppo di cellule cancerose.

La melanzana ti può esser utile se tendi a soffrire di stitichezza, infatti essa è ricca di acqua e fibre; la presenza di fibra protegge inoltre dal rischio di cancro al colon ed aiuta a mantenere la corretta funzionalità dell’apparato digerente.

Come detto, il sapore della melanzana può tendere all’amaro, perciò il consiglio è quello di tagliarle (a seconda della ricetta a tocchetti o a fette) e porle sotto acqua e sale (o solo sale) prima della cottura per qualche minuto (circa 10); dopodiché sciacquarle ben bene sotto acqua corrente ed iniziare a cucinarle.

Se vi interessa una ricetta gustosa e salutare dove le melanzane sono protagoniste visitate il sito www.studionutrilab.com nella sezione delle ricette non rimarrete delusi.

 

Dr. Francesco Garritano

www.studionutrilab.com

Tel. 347.2481194

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}