Effetto di un supplemento di vitamina B sul metabolismo cerebrale, sui disturbi da stress e del sonno

Effetto di un supplemento di vitamina B sul metabolismo cerebrale, sui disturbi da stress e del sonno

Lo stress fisico e mentale sono fattori che perturbano quotidianamente la salute e il benessere degli individui, soprattutto quando si associano a disturbi più consistenti delle prestazioni mentali e neurologiche di chi ne è soggetto. Alcune importanti ricerche, di cui vi parlo in questo articolo, mostrano l’efficacia della vitamina B nel trattamento dei problemi da stress neurologico, deficit neurodegenerativi e disturbi del sonno. Buona lettura!

La qualità degli alimenti e della nutrizione in generale ha un effetto diretto sulla funzionalità del corpo e del cervello, e con questo articolo mi propongo di parlarvi dell’efficacia del supplemento di vitamine, in particolare le vitamine del gruppo B, nel prevenire ed alleviare le malattie da ridotte prestazioni cognitive, per ridurre gli stati d’umore negativi, tra cui depressione, ansia e stress, e per migliorare la qualità del sonno.
Infatti, una dieta ricca di vitamine e micronutrienti è essenziale per il funzionamento ottimale del corpo e del cervello. Le vitamine del gruppo B, in particolare, sono richieste per vari processi corticali coinvolti nel metabolismo, come nella metilazione dell’omocisteina in metionina (in particolare B6, folato e B12), che è essenziale per la sintesi del DNA, la riparazione e altre reazioni di metilazione nel sistema nervoso centrale. L’interruzione di questo processo di metilazione porta ad un accumulo di omocisteina, che a sua volta aumenta la probabilità di infiammazione corticale, stress ossidativo e danni successivi ai mitocondri e ai filamenti di DNA. Capiamo bene, quindi, che l’aumento di omocisteina e il conseguente danno neurale sono collegati a deficit nelle prestazioni cognitive.
Vi sono stati alcuni studi, condotti su 39 adulti di età compresa tra 30 e 65 anni (25 donne, 14 maschi), in cui sono state somministrate dosi di vitamina B, le quali erano ben al di sopra della dose giornaliera raccomandata per gli adulti di 30-70 anni, eccetto la biotina (vitamina B7, 66,7-80%) e l’acido folico (vitamina B9, 37,5%), confermando che il supplemento conteneva una dose elevata di B vitamine in generale.
Ai partecipanti è stato somministrato il trattamento da prendere in due compresse al giorno, una a colazione e una a pranzo, per la durata di 6 mesi.
Una carenza di folato e di vitamina B è stata correlata a varie malattie neurodegenerative, condizioni psichiatriche negative, disturbi comportamentali e del sonno. I sintomi associati alla carenza di acido folico e vitamina B12 sono in parte causati da un accumulo di omocisteina, poiché una disponibilità inadeguata di queste vitamine riduce il ciclo della metionina-omocisteina e porta a una ridotta mielinizzazione.
Si è rivelato notevole l’effetto diretto della supplementazione multivitaminica di vitamina B da 6 mesi ad alte dosi sul metabolita 1H-MRS e sui biomarcatori del sangue. Dopo l’integrazione di 6 mesi, si è avuto l’aumento di vitamina B6 e B12 nel plasma sanguigno, nonché una riduzione dei livelli di omocisteina nel plasma sanguigno. I livelli di vitamina B6, in seguito, erano anche associati ad aumento della colina e della creatina, mentre l’aumento di vitamina B12 era associato ad un aumento delle concentrazioni di creatina. Insieme, questi risultati ci possono far ragionare sull’utilità dell’integrazione di vitamina B nel ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo e nella promozione dei processi metabolici neurali, del benessere psico-neurologico e del sonno.
Sebbene la vitamina B6, la vitamina B12 e il folato condividano un ruolo nel mantenimento della salute cardiovascolare, neurale e psicologica , attraverso la regolazione dell’omocisteina , questi dati suggeriscono che l’aumento della vitamina del plasma B6 e vitamina B12 hanno guidato la riduzione dei livelli plasmatici di omocisteina. La catalisi dell’omocisteina è guidata dagli enzimi vitamina B6 e vitamina B12 (cistationina B-sintetasi e metionina sintasi, rispettivamente), suggerendo che l’integrazione di vitamina B ad alte dosi può favorire la scomposizione dell’omocisteina in una maggiore misura di folato.
Insieme, questi risultati ci permettono di comprendere l’importanza delle vitamine del gruppo B nel mantenimento della salute del cervello negli adulti sani e possono avere importanti implicazioni nella prevenzione e nell’attenuazione di malattie neurologiche, di disturbi dell’umore e del sonno.

Dott. Francesco Garritano

 

https://www.mdpi.com/2072-6643/10/12/1860

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Iscriviti al Canale YouTubeYouTube dott. Garritano
CI SONO SEMPRE NOVITA' CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Iscriviti e rimani aggiornato

Leggi informativa

Il Dott. Francesco Garritano riceve a Milano, Cinisello Balsamo, Bologna, Roma, Napoli, Bari, Taranto, Cosenza, Catanzaro, Tropea, Taurianova, Catania

Prenota la Tua Visita Nutrizionale Subito!

Prenota
Segui la Pagina FacebookFacebook dott. Garritano
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}