Farmaci e integratori di ogni tipo e per ogni situazione… pericolo o salvezza?

Farmaci e integratori di ogni tipo e per ogni situazione… pericolo o salvezza?

 

I farmaci e integratori… davvero sempre necessari?

E’ davvero sempre necessario provvedere ad una integrazione preventiva o ad una cura basata sull’assunzione spesso massiva di farmaci?

Quante volte è capitato di utilizzare farmaci antibiotici per una lieve febbre oppure di assumere preventivamente integratori rispetto alcune fasi specifiche della vita?

Sicuramente tante, anzi direi troppe!

Oggi spesso e volentieri si fa abuso di questi preparati senza capire l’effettivo stato bisogno e con una indiscriminata corsa alla prevenzione che in molti casi risulta inutile nonché nociva.

Farmaci e integratori quando usarli? Sono davvero il rimedio adatto ad ogni situazione?

Abituati ad utilizzare un farmaco per ogni disturbo, spesso non prendiamo seriamente in considerazione che forse quel disturbo poteva essere evitato semplicemente cambiando alimentazione e stile di vita; prendere il farmaco può essere utile per un sintomo isolato ma quando quest’uso diventa frequente, in presenza di un sintomo che si cronicizza bisognerebbe andare a monte del problema ed interpretare questa manifestazione come un segnale, una spia che si accende per segnalare che qualcosa non va nella gestione del nostro organismo.

Al giorno d’oggi inoltre si parla tanto di prevenzione, e questa attenzione ha portato da un lato ad attuare comportamenti utili davvero a prevenire molti stati patologici dall’altro ha portato invece a fare un uso massivo per esempio di integratori, un esempio fra tutti, gli integratori di calcio.

Integratori di calcio… uso o abuso?

Gli integratori di calcio ormai diventati di uso comune in particolare tra le donne che in menopausa  sperano di prevenire l’osteoporosi non sembrano essere così utili in realtà; come rivelano numerosi studi scientifici, l’integrazione preventiva di calcio infatti non sembra sufficiente  a scongiurare il rischio di fratture anzi spesso questi integratori potrebbero addirittura essere negativi per la salute.

Pensiamo mai agli effetti collaterali o negativi che farmaci ed integratori, assunti spesso impropriamente, potrebbero avere sulla salute?

Per rimanere in tema, scopriamo che studi scientifici basati sul rapporto tra calcio e malattie cardiovascolari ad esempio, suggeriscono che la normale e naturale assunzione di calcio aiuta a proteggere dalle malattie cardiache, mentre sembrerebbe che  la supplementazione con integratori di calcio può invece aumentarne il rischio.

Da una ricerca che coinvolge 12.000 uomini pubblicati su JAMA: Internal Medicine, è emerso che l’assunzione di oltre 1.000 mg al dì di integratori di calcio è stata associata ad un aumento del 20% del rischio di morte per malattie cardiovascolari ipotizzando che una elevata quantità di calcio nel sangue, derivata dall’assunzione di integratori, possa facilitare la calcificazione delle arterie, mentre il calcio ottenuto dal cibo viene assorbito a ritmi più lenti e in quantità inferiori rispetto agli integratori.

Quindi se realmente vi è carenza allora c’è bisogno di una corretta integrazione di calcio; una corretta alimentazione, ben bilanciata ed associata ad attività fisica fa già da se un grande lavoro sulla salute e sulla prevenzione di un gran numero di malattie.

Quindi integrazione ed uso di farmaci solo quando necessario!

Ad esempio ormai sappiamo benissimo che in molti casi è possibile evitare di assumere farmaci per l’ipertensione arteriosa modificando semplicemente lo stile di vita, quindi fare attività fisica in maniera costante, controllare i cibi ad alto contenuto salino, assunzione di minerali e dieta corretta, ma questi consigli vengono ahimè, spesso proposti molto di rado dai medici.

Affidiamoci quindi sempre a persone che vadano oltre la semplice prescrizione e soprattutto a professionisti che cercano nelle cause la soluzione al problema.

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. Francesco Garritano

 

 

autore2

 

 

 

 

 

 

 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23381719

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}