Gli eccessi del Natale vanno gestiti con serenità e amore per se stessi.

Gli eccessi del Natale vanno gestiti con serenità e amore per se stessi.

 

La serenità che serve per gestire il Natale e i suoi eccessi

Si perde di vista il vero senso del Natale, ma si parla soltanto di ansia e stress per la festa che sta arrivando e per gli eccessi che porta con sé.

Ormai è alle porte: il Natale è quasi arrivato.

L’aria natalizia inizia a farsi sentire già per le strade e nelle case: le luci, la gente, i regali, il cibo e le tradizioni, insieme, creano quella che è l’aria magica che si respira in questo periodo.

E a chi si ritrova a dover seguire un regime dietetico, la festa del Natale mette un po’ di ansia, perché la paura di sgarrare e mandare all’aria il lavoro di un anno o di mesi è veramente tanta.

Bisogna, quindi, soffermarsi un poco su quello che è la festa del Natale.

Il Natale è una festa religiosa, ma per tutti noi è motivo di stare insieme.

Stare insieme, sì, soffermatevi a pensare a questo: stare insieme a chi vi vuole bene, a chi vi ama, stare insieme alla propria famiglia, agli amici di sempre, insieme a chi non vedete da tanto, insomma il Natale è condividere una gioia, un regalo, un pranzo, una cena.

Non c’è nulla di tecnico o di nutrizionistico in questo, ma spesso durante le visite e i controlli di questi giorni, avverto nei pazienti ansia e preoccupazione: hanno paura di non farcela, di non stare bene, di mollare tutto…

Per questo il pensiero del Natale deve aiutare tutti voi a sentirvi meglio, a mettere da parte le ansie e le preoccupazioni quotidiane, che siano esse legate al lavoro o a un nuovo regime alimentare che seguite, l’importante, a Natale, è rilassarsi, stare tranquilli e godervi le cose belle che avete.

Una volta concentratisi su questo, sarà più facile gestire paure e ansie, anzi l’obiettivo è raggiungere quella serenità che non vi farà più pensare a ciò che dovete o non dovete fare.

Gli eccessi del Natale vanno gestiti con serenità e amore per se stessi

L’ansia nei confronti del cibo, eccessivamente troppo sulla nostre tavole, non dovrà esistere affatto: bisogna cambiare obiettivo, spostare l’attenzione sulla magia del Natale e sulla condivisone e lo stare insieme; attenzione che ora vedo incentrata, invece, sulla preparazioni di cibi, sulle tentazione di dolci e ghiotterie varie.

Una volta capito questo, non penserete più a quanto, o cosa, potete o non potete mangiare, ma penserete a chi avete a fianco e a quanto importante è che lui sia lì con voi in quel momento, alle cose da poter fare insieme, alle cose da dirvi.

Io credo che l’obiettivo del Natale sia questo, e non aspettare questi 15 giorni per mangiare l’impossibile e sentirsi giustificati. Non credete?

Vi auguro quindi che questo sia per voi un Natale che vi ricordi quanto siete fortunati ad essere amati e amare gli altri, ma soprattutto voi stessi e il vostro corpo.

 

Dott. Francesco Garritano

Responsabile dello Studio Nutrilab

autore4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contattaci!

[vc_contact_form form_email=”francesco.garritano1976@gmail.com” form_name_field=”required” form_email_field=”required” form_phone_field=”required” button_type=”primary” button_outlined=”0″]

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}