Il consumo eccessivo di bevande energetiche provoca epatite acuta

Il consumo eccessivo di bevande energetiche provoca epatite acuta

 

 

Le bevande energetiche sviluppano epatite acuta

Le bevande energetiche, o energy drinks, assunte quotidianamente causano epatite acuta: più che dare carica, quindi, creano danni al fegato. Approfondiamo l’argomento.

Si bevono per rendere di più nello studio o nel lavoro, o semplicemente per affrontare la giornata con più energia. Sono le bevande energetiche, quelle bevande zuccherate e leggermente gassate in voga tra i giovani, e non solo.

Si assumono da sole o in combinazione con i superalcolici quando ci si vuole divertire un po’ di più, così che il mix permette di disinibirsi e reggere la serata più a lungo possibile.

Queste bevande, anche note come energy drinks, forniscono quel senso di “energia” a chi le beve in quanto forti eccitatori, grazie soprattutto all’alto contenuto di caffeina, ma queste bevande, è stato dimostrato essere letali per la salute umana.

Tra le tante conseguenze, è stato visto che un abuso di energy drinks provoca epatite acuta.

Sul British Medical Journal è stato pubblicato un caso clinico di un uomo di 50 anni, ricoverato d’urgenza al pronto soccorso per epatite acuta. La causa molto probabilmente era ricollegabile proprio all’abuso di energy drinks: lo stesso ha riportato di aver assunto 4-5 bevande energetiche al giorno per 3 settimane.

I medici rivelano che dopo l’assunzione di tali bevande, l’uomo ha sviluppato malessere, anoressia e peggioramento del dolore addominale che progrediva man mano con nausea e vomito.

Inizialmente il paziente ha pensato si trattasse di sintomi influenzali, ma ha iniziato ad allarmarsi quando ha visto le proprie urine scure e una condizione di ittero generalizzata.

Facendo un resoconto, la sua dieta non aveva subito cambiamenti, né aveva assunto alcol, tabacco e droghe illecite, a parte il consumo delle sole bevande energetiche. In quanto operaio edile, infatti, lui usava questo tipo di bevande per riuscire a reggere la sua giornata di lavoro ad alta intensità.

L’esame fisico ha confermato l’ittero e un certo indolenzimento addominale in alto a destra, proprio a livello del fegato; le prove di laboratorio hanno rilevato, invece, alti livelli degli enzimi epatici, ossia delle transaminasi, che indicano danno epatico e evidenza di infezione cronica da epatite C; la biopsia del fegato mostrava esattamente epatite grave.

I dottori che hanno trattato l’uomo spiegano che lo sviluppo dell’epatite acuta era probabilmente dovuta all’eccessivo consumo di bevande energetiche, in particolare al loro contenuto di vitamina B3 o niacina.

Il suo apporto era di circa 160-200 mg al giorno, sotto la soglia per causare tossicità, ma comunque un valore associato ad epatite (circa 300mg di niacina giornaliera).

La tossicità è, probabilmente peggiorata per effetto cumulativo: ogni bottiglia di bevanda energetica conteneva 40mg di Niacina, il 200% del valore giornaliero raccomandato.

Il paziente è stato tenuto sotto stretta osservazione, frequente monitoraggio e ottima gestione dei sintomi: i medici hanno consigliato al loro paziente di interrompere il consumo di tutte le bevande energetiche e di evitare, in futuro, tutti i prodotti contenenti niacina.

Mentre il mercato della bevanda energetica continua a espandersi rapidamente, i consumatori dovrebbero essere consapevoli dei potenziali rischi dei loro ingredienti”, affermano i medicano che hanno riportato il caso sul BMJ, che continuano: “vitamine e nutrienti, come la niacina sono presenti in quantità che superano notevolmente la dose giornaliera raccomandata, mettendo ad alto rischio la salute dei consumatori per la loro tossicità”.

Evitiamo di ricorrere all’uso improprio di queste bevande energetiche e salvaguardiamo la nostra salute… oltretutto se vogliamo avere la giusta carica di energia per affrontare la giornata serve semplicemente fare una colazione abbondante e varia e un buon riposo notturno.

 

Dott. Francesco Garritano

Responsabile dello Studio Nutrilab

autore4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Contattaci!

[vc_contact_form form_email=”francesco.garritano1976@gmail.com” form_name_field=”required” form_email_field=”required” form_phone_field=”required” button_type=”primary” button_outlined=”0″]

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}