Inquinamento del suolo e zeolite: l’integratore disintossicante!

Inquinamento del suolo e zeolite: l’integratore disintossicante!

 

Siamo al sicuro quando mangiamo frutta e verdura? Come arginare gli effetti dell’inquinamento del suolo? Zeolite: l’integratore disintossicante.

 

Un problema del nostro tempo: l’inquinamento del suolo. Scopriamo come difenderci grazie all’integratore disintossicante… la zeolite.

Si parla tanto di alimentazione ricca di frutta e verdura, i prodotti della terra dovrebbero costituire una sicurezza quando si parla di dieta varia e salutare; ricchi di vitamine e fibre, elementi preziosi per il nostro organismo, i vegetali sono alimenti preziosissimi da inserire nel quotidiano.

Ma se l’ambiente è inquinato possiamo ritenerci al sicuro quando mangiamo i vegetali? E possiamo definire sicuri i foraggi di cui si nutre il bestiame la cui carne poi arriva sulle nostre tavole?

Purtroppo quando si parla di inquinamento ambientale si parla anche di inquinamento del suolo e ciò rappresenta uno dei più gravi problemi del mondo; forse se ne parla poco e spesso ci si sofferma solo sull’inquinamento di aria ed acqua.

Cos’è l’inquinamento del suolo?

 

L’inquinamento del suolo è definito come la contaminazione del terreno data da prodotti chimici, materiali tossici, agenti patogeni, materiali radioattivi e altre sostanze che possono avere effetti negativi sulla salute di piante ed animali. Un suolo inquinato può causare molti danni alla salute che spesso non si manifestano subito ma con gli anni, quando sovente è troppo tardi per porvi rimedio.

Sono varie le cause dell’inquinamento dei terreni e fra le più comuni vi sono:

  • Infiltrazioni di liquidi provenienti da discariche
  • Scarico di scarti industriali incontrollato
  • Interramento illecito dei rifiuti
  • Assorbimento di acqua contaminata da parte del terreno
  • Pesticidi, erbicidi e fertilizzanti

Tra le principali sostanze inquinanti del suolo vi sono i metalli pesanti e bisogna ricordare che l’inquinamento del suolo può riguardare sia la superficie del terreno che il sottosuolo, entrambi molto pericolosi per le coltivazioni agricole e non solo.

Si evince che un terreno inquinato non può essere coltivato per la produzione di cibo in quanto le sostanze chimiche dannose possono essere assorbite dalla vegetazione e quindi potrebbero essere pericolose per gli animali che se ne nutrono e per le persone che le mangiano.  Prima di coltivare di nuovo un terreno inquinato sono necessarie bonifiche che non sempre vengono eseguite o che richiedono tempo prima di poter ritenere di nuovo sicuro quel determinato terreno.

Allora cosa fare? Come proteggerci dai metalli pesanti?

Un ottimo metodo può essere l’utilizzo di integratori a base di zeolite un integratore disintossicante!

 

La zeolite, minerale di origine vulcanica, rappresenta un validissimo integratore disintossicante che può essere utilizzato facilmente; ha una struttura microporosa costituita da migliaia di piccolissimi canali i quali sono in grado di legare grandi quantità di tossine e di metalli pesanti, proteggendo in questo modo la nostra salute.

La zeolite inoltre è efficace anche contro i radicali liberi, in quanto li neutralizza; lo stress ossidativo causato da vari agenti quali inquinamento, fumo di sigaretta, alimentazione errata è uno dei problemi maggiormente diffusi al giorno d’oggi e la zeolite può rappresentare un ottima soluzione.

La zeolite oggi sta suscitando molto interesse in quanto la sua struttura consente l’assorbimento di numerose tossine le quali vengono attirate e intrappolate nei canali cristallini; poiché la zeolite non viene assorbita dall’apparato gatro-intestinale, essa viene espulsa con le feci insieme a tutte le sostanze che ha incontrato durante il suo percorso.

Insomma un vero ed importante integratore disintossicante!

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. Francesco Garritano

autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}