La gluten sensitivity cos’è? Celiachia o gluten sensitivity… scopri i test e quando ricercare la calprotectina nelle feci.

La gluten sensitivity cos’è? Celiachia o gluten sensitivity… scopri i test e quando ricercare la calprotectina nelle feci.

 

Celiachia o gluten sensitivity? La gluten sensitivity: cos’è e quali test fare?

Nel panorama dei disturbi intestinali glutine-mediati ecco apparire la gluten sensitivity… cos’è? Quali test effettuare e quando ricercare la calprotectina nelle feci? 

Il disturbo celiaco coinvolge un gran numero di persone; ormai i prodotti senza glutine sono diffusi un po’ in tutti i supermercati proprio a causa della grande richiesta dei consumatori.

La celiachia non è l’unico disturbo che grave sull’intestino ma oggi si sente sempre più parlare di gluten sensitivity.

Celiachia o gluten sensitivity? La gluten sensitivity cos’è?

Fino a poco tempo fa quasi nessuno parlava di ipersensibilità al glutine e di conseguenza la reattività dell’organismo al glutine, non facente parte della malattia celiaca non veniva quasi considerata.

Oggi i tempi sono cambiati e sono molti i lavori scientifici pubblicati in merito al fenomeno.

La gluten sensitivity cos’è?

La gluten sensitivity benché possa essere associata alla celiachia, è in realtà una cosa un po’ diversa; questo disturbo presenta sintomi simili a quelli della celiachia ma senza causare una risposta sul piano immunologico e senza quei determinati danni alla mucosa intestinale.

La sintomatologia della “gluten sensitivity” si manifesta in seguito all’assunzione di glutine e comprende sia disturbi gastrointestinali quali meteorismo, dolori addominali, diarrea o stipsi, e sia extra intestinali quali sonnolenza, difficoltà di concentrazione, cefalea, rash cutaneo, depressione, stanchezza cronica ecc.

Tutto questo dovrebbe un po’ allarmarci visto che il frumento è il cereale di riferimento in cucina nel nostro paese e molto spesso se ne fa un abuso alimentare; anche se il quadro clinico della gluten sensitivity può regredire completamente nel giro di pochi giorni  con l’eliminazione del glutine dalla dieta questa strategia non sembra la più adatta.

Allora cosa fare in caso si sospetti una gluten sensitivity? Si ricerca la calprotectina nelle feci? Vediamo in caso di gluten sensitivity quali test fare.

Si parte sempre da una accurata anamnesi alimentare per poi affiancarsi ad esami e test di approfondimento; una volta esclusa la diagnosi di celiachia effettuata attraverso gli appositi test per celiachia, si procede con un esame completo delle feci visto che sovente l’ipersensibilità al glutine è accompagnata da alterazioni della funzione intestinale ed innalzamento degli indici di infiammazione quali la calprotectina fecale.

Non sempre è solo il glutine a dare reattività alimentare, in caso di sospetto di gluten sensitivity o comunque di sintomi che riguardano un possibile stato infiammatorio dell’intestino, risulta utile quanto necessario effettuare un Recaller Test per identificare così i grandi gruppi alimentari ai quali l’organismo è più sensibile.

Visto che quando si parla di gluten sensitivity non si parla di celiachia la risoluzione del problema sta nell’insegnare gradualmente al proprio organismo la tolleranza al glutine quindi al frumento e cereali affini.

Gluten sensitivity… cosa fare?

 

Importante risulta farsi seguire da un professionista preparato che sappia comporre una dieta di rotazione settimanale la quale comprenda giorni in cui ci si astiene dai cereali che contengono glutine e giorni invece in cui questi vengono reintegrati in piccole quantità (schema che rispecchia lo svezzamento infantile).

Come accennato prima, la completa esclusione del glutine dalla propria alimentazione rischia di essere controproducente per il recupero della tolleranza e quindi per il raggiungimento dell’obiettivo alla fine del programma dietetico, di tornare ad una alimentazione normale.

Non facciamo abuso degli stessi cereali per non varcare quella soglia dietro la quale si nasconde l’infiammazione da cibo, seguiamo quanto più possibile un’alimentazione varia e completa e quando sentiamo il sentore che qualcosa non va, ricorriamo ai test giusti che daranno le corrette diagnosi.

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. F. Garritano

autore2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}