L’endometriosi ha alla base infiammazione: nutrirsi correttamente per trattarla!

L’endometriosi ha alla base infiammazione: nutrirsi correttamente per trattarla!

I problemi di colore “rosa” molto spesso vengono omessi durante la fase di anamnesi: come ad esempio l’endometriosi, un problema di non poca rilevanza che può interessare il sesso femminile. Con questo articolo voglio parlarvi circa il problema, come riconoscerlo e come trattarlo. Buona lettura!

Endometriosi, un problema “rosa”

Quante volte durante la visita mi capitano delle pazienti che soffrono di endometriosi, e molte volte neanche ne parlano liberamente: molti tra voi conosceranno la patologia, l’endometriosi è una malattia femminile, determinata dall’accumulo anomalo di cellule endometriali fuori dall’utero. Solitamente le cellule endometriali dovrebbero trovarsi all’interno di esso. Questa anomalia determina nel corpo infiammazione cronica dannosa per l’apparato femminile, che si manifesta tramite forti dolori e sofferenze intestinali. Vi è quindi presenza di tessuto interno dell’utero, endometrio e stroma, in aree diverse dalla sua sede naturale (ad esempio tube di Falloppio, ovaie, vagina, retto e altri tratti dell’intestino).

Come si riconosce l’endometriosi?

In una percentuale bassa di casi, l’endometriosi è una patologia asintomatica e viene diagnosticata in occasione di una laparoscopia eseguita per sterilità da causa inspiegata o di un intervento di laparotomia fatto per altre indicazioni (come ad esempio fibromi). Nei restanti casi le caratteristiche e la gravità della sintomatologia sono dovute alle reazioni del tessuto endometriale ectopico alle sollecitazioni ormonali tipiche del ciclo femminile; conseguenze più comuni di questa anomalia sono fortissimi dolori mestruali, eccessivo sanguinamento, forte dolore addominale anche cronicoinfiammazione, pancia gonfia, stitichezza, sviluppo di tessuto cicatriziale al livello della parete intestinale, aderenze, subfertilità o infertilità, sofferenza psicologica e soprattutto dolori pelvici cronici, a volte così intensi da compromettere lo svolgimento delle normali attività quotidiane.

Sappiamo che vi è un stretto legame tra endometriosi ed alti livelli di estrogeni; questi ormoni, infatti, stimolano la proliferazione del tessuto endometriale. È una patologia di tipo infiammatorio e gli squilibri intestinali, come una disbiosi del microbiota, possono aggravare la sintomatologia, inoltre, è importante mantenere un corretto peso corporeo poiché un eccesso di tessuto, o meglio, organo adiposo porterà a un’eccessiva produzione di estrogeni che favorirà la proliferazione del tessuto endometriale.

Endometriosi e alimentazione

Quando si parla di dieta per l’endometriosi significa scegliere un regime alimentare che contribuirà in maniera determinante alla riduzione dei dolori e dell’infiammazione.

L’obiettivo del piano dietetico è quello di migliorare la risposta insulinica e la sintomatologia globale dell’endometriosi, attraverso la combinazione di cibi antifiammatori, disintossicanti e liberi di ormoni, noti per essere la benzina che fa avanzare la patologia.

Si consiglia di aumentare le fibre sino al 20 – 30% nei pasti pertanto aumentare il consumo di:

 

  • Verdure: contengono moltissime fibre e puliscono l’organismo, sono antiossidanti;
  • Cereali integrali senza glutine: abbassano il picco glicemico e contengono molte fibre;
  • Frutta: è piena di vitamine e fibre;

Un aumentato consumo di acidi grassi omega 3 promuove la produzione della prostaglandina PGE1 che riduce il livello di infiammazione addominale determinato dalla endometriosi. Si consiglia un incremento di consumo nella dieta di:

  • Pesce azzurro
  • Salmone e tonno
  • Olio di Oliva
  • Avocado
  • Semi: chia, di zucca.

La carne rossa è da ridurre al minimo, va preferita la carne bianca di origine e allevamento controllato. Vanno evitati alcohol, caffeina, prodotti contenenti soia: (salsa di soia, tofu, seitan, edamame..) per il loro contenuto in fitoestrogeni, farine bianche e prodotti da forno raffinati, avena e segale per il loro alto contenuto di estrogeni.

Quindi, con l’alimentazione possiamo agire sull’equilibrio ormonale (controllo dei picchi glicemici e delle nomali secrezioni ormonali), sulla riduzione dello stato infiammatorio e dei radicali liberi, sul miglioramento dell’equilibrio intestinale (ripristino di una flora batterica favorevole).

Per tenere quanto più possibile sotto controllo infiammazione e dolore sono determinanti le nostre scelte alimentari visto il ruolo che il cibo ha nel sostenere o, al contrario, nel modulare i fenomeni infiammatori stessi.

In primo luogo è importantissimo mantenere la calma insulinica. Per mantenere la calma insulinica è necessario evitare gli zuccheri semplici (zucchero aggiunto, dolcificanti e dolci vari), preferire a pasta e pane raffinati le loro versioni integrali (i cui zuccheri si assorbono meno rapidamente provocando un più graduale rialzo della glicemia), comporre i pasti con carboidrati e proteine in quantità equivalenti, in modo da ridurre l’indice glicemico dei primi (cioè la velocità con cui un alimento determina il rialzo degli zuccheri nel sangue), aumentare il consumo di fibre per nutrire correttamente la flora batterica intestinale (una disbiosi può aggravare la sintomatologia).

È consigliato, inoltre, preferire il consumo di cereali integrali naturalmente senza glutine (come quinoa, miglio, amaranto, grano saraceno) in quanto il glutine è in grado di irritare la mucosa intestinale già resa sensibile, ed a volte danneggiata, dall’endometriosi stessa; aumentare il consumo di pesce e di frutta a guscio (entrambi ricchi di omega 3 dalle dimostrate proprietà antinfiammatorie); limitare il consumo di prodotti caseari (latte e derivati) sia poiché spesso contengono significative concentrazioni di estrogeni (naturalmente presenti o artificialmente aggiunti) sia per il loro effetto di stimolazione insulinica; limitare l’uso di carne rossa; escludere dalla dieta i grassi idrogenati (detti anche grassi trans o trans – esterificati), presenti in molte marche di grissini, fette biscottate, biscotti, merendine, torte, nonché pop corn, patatine e simili e preferire il consumo di altri lipidi come l’olio extravergine di oliva (fonte di preziosa vitamina E) e l’olio di semi di lino a crudo (ricco di acidi grassi essenziali “buoni”) hanno proprietà antinfiammatorie.

In generale, è poi preferibile acquistare alimenti biologici, così da minimizzare l’introito di additivi, conservanti e soprattutto pesticidi: diverse evidenze, anche molto recenti, hanno dimostrato che possono interferire con il funzionamento delle ghiandole del corpo, incluse quelle sessuali, agendo cioè da interferenti endocrini.

In ultimo l’endometriosi, come altre patologie a componente infiammatoria, può essere influenzata e sostenuta da intolleranze alimentari pertanto correggere le ipersensibilità a determinati cibi, grazie a indicazioni alimentari individualizzate, conduce spesso a mitigare le manifestazioni dell’endometriosi ed a migliorare la qualità della vita. 

Integratori e nutrienti fondamentali?

Esistono componenti essenziali che aiutano notevolmente la riduzione della malattia. Questi componenti sono talvolta difficili da trovare in alta concentrazione nei cibi. Esistono tuttavia integratori contenenti i seguenti componenti:

  • Vitamina D
  • Omega 3
  • Omega 6
  • Curcuma
  • Quercetina
  • Partenio
  • Nicotinamide
  • Metifolato di calcio

 

A tutto questo bisogna poi aggiungere delle abitudini fondamentali quali: il muoversi con regolarità, il masticare lentamente imparando a poggiare la posata accanto al piatto tra un boccone e l’altro senza riprenderla fino a che il boccone non sia stato completamente masticato e deglutito, ciò comporterà un migliore processo digestivo, consentendo agli enzimi salivari e successivamente a quelli gastrici di lavorare con maggiore facilità il bolo alimentare che abbiamo ingerito evitando rallentamenti digestivi, pesantezza, gonfiore e flatulenze. Non dobbiamo stancarci di masticare e scegliere nella nostra alimentazione quotidiana una adeguata quantità di cibi ricchi di fibra che ci diano il “senso di pienezza”.

Dott. Francesco Garritano

Fonte bibliografica:

  • Parazzini F et al. Diet and endometriosis risk: a literature review. Reprod Biomed Online. 2013 Apr;26(4):323-36.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Iscriviti al Canale YouTubeYouTube dott. Garritano
CI SONO SEMPRE NOVITA' CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Iscriviti e rimani aggiornato

Leggi informativa

Il Dott. Francesco Garritano riceve a Milano, Cinisello Balsamo, Roma, Napoli, Bari, Taranto, Cosenza, Catanzaro, Tropea, Taurianova, Catania

Prenota la Tua Visita Nutrizionale Subito!

Prenota
Segui la Pagina FacebookFacebook dott. Garritano
Revolution Slider ERRORE: Slider with alias not found.
Maybe you mean: 'scroll-effect17'
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}