L’omocisteina: tutto quello che c’è da sapere e quando bisogna preoccuparsi

L’omocisteina: tutto quello che c’è da sapere e quando bisogna preoccuparsi

Oramai, parlando di omocisteina, si associa a tale termine un campanello di allarme: ma qual è il suo significato clinico? L’omocisteina può denotare un problema quando il suo valore è sopra lo standard di riferimento o anche quando è al di sotto? Lo scoprirete leggendo questo articolo. Buona lettura!

Cos’è l’omocisteina?

L’omocisteina è un intermedio del metabolismo di un amminoacido, la metionina, per cui sono necessari come cofattori l’acido folico e la vitamina B12. Essa è sostanzialmente  un aminoacido solforato, è un prodotto del metabolismo che il corpo riesce a prendere da particolari alimenti  trasformazione metabolica. L’omocisteina è fondamentale per aiutare a produrre alcune sostanze primarie nel nostro corpo: stiamo parlando degli antiossidanti, del glutatione e dei donatori di metile, SAMe. Come si può ben comprendere, il livello di omocisteina è un elemento molto importante per il nostro organismo, che si può ricercare nelle analisi del sangue, e deve essere equilibrato, né troppo alto né troppo basso.
Infatti, avere livelli troppo alti di omocisteina costituisce un fattore di rischio cardiovascolare indipendente dagli altri fattori di rischio come il diabete, l’ipertensione, , l’ipercolesterolemia con bassi livelli di colesterolo HDL, il fumo, ecc.

Quando l’omocisteina è troppo alta…

E’ importante tenere sotto controllo l’omocisteina anche durante la gravidanza, perché dice veramente tanto riguardo al metabolismo dei folati, utili per assicurare la salute della madre e del bambino, e di notevole importanza sono anche gli ultimi studi che mettono in relazione  l’iperomocisteinemia con patologie complesse e articolate  come il morbo di Alzheimer. Emerge che maggiori sono i livelli di omocisteina nel sangue maggiore è il rischio cardiovascolare, di ictus e trombosi. Cosa significa ciò? Che è preferibile  avere i livelli di omocisteina sierica sotto i 10 mcmol/l.

Perché possono aumentare i livelli di omocisteina? La risposta è da ricercare nella nostra dieta e sul nostro genoma: ricordiamo proprio che, dal piano genetico, deriva l’enzima metilen-tetraidrofolato reduttasi (MTHFR) che svolge un ruolo centrale nel metabolismo di questo amminoacido. Sono i polimorfismi genetici presenti nella popolazione che portano a una minor funzione di questo enzima e di conseguenza a un aumento dei livelli di omocisteina nel sangue: un’eventuale mutazione di questo enzima valuta la trasmissione di questo carattere nella famiglia e di valuta con precisione il rischio cardiovascolare a cui si può andare incontro.

… e quando è troppo bassa

Con l’omocisteina bassa, l’organismo non riesce più a produrre il glutatione, una sostanza costituita da tre aminoacidi in grado di proteggerci dai radicali liberi. Se il corpo non riesce più a produrre glutatione i nervi diventano particolarmente suscettibili all’ossidazione e possono subire danni. Sostanzialmente però quello che accade nell’organismo di queste persone è che si innesca una reazione di questo tipo: i valori dei radicali liberi salgono, quindi sale la richiesta di glutatione, di conseguenza aumenta l’utilizzo e ancor più la necessità dell’omocisteina specialmente nelle diete basse nei livelli di zolfo.
Qual è il livello sotto il quale dovresti preoccuparti? Secondo alcune ricerche, valori intorno a 6 o 7 sono salutari e positivi per una diminuzione del rischio cardiovascolare. Se si scende al di sotto di questi livelli, però, decresce l’abilità di produrre i composti di cui è incaricata l’omocisteina.

Consigli e trattamento per l’omocisteina da regolarizzare

Come comportarci sul piano nutrizionale per regolare i livelli di omocisteina? Come prevenzione primaria, non basta solo pensare agli alimenti ricchi in acido folico, ma soprattutto allo stile alimentare che adottiamo quotidianamente, all’intake quotidiano vitaminico e alle nostre abitudini: l’abitudine al movimento come parte integrante della propria quotidianità, il corretto abbinamento a tutti i pasti di carboidrati e proteine, l’utilizzo esclusivo di cereali integrali, l’assunzione di almeno cinque porzioni di frutta e verdura tutti i giorni sono solo alcune delle indicazioni più utili per tenere a bada il rischio cardiovascolare. L’intake proteico deve essere all’incirca di almeno 1 grammo per ogni chilo di peso corporeo se non si fa attività fisica e circa 2 grammi per le persone attive.
L’eccesso di infiammazione, lo stress o i radicali liberi sono fattori da tenere altamente in considerazione! Questi fattori richiedono valori più elevati di glutatione, che per essere prodotti necessitano di buoni livelli di omocisteina. E’ necessario quindi ridurre lo stress, dormire di più, ridurre l’infiammazione e l’esposizione ai prodotti chimici, e talvolta anche ricorrere all’integrazione di glutatione.
Quando ci rendiamo conto, invece, che la causa dell’omocisteina alta è genetica,  per ridurne i livelli ematici diventa fondamentale integrare acido folico fino a 5 mg al dì e vitamina B12, e monitorare altri aspetti che contribuiscono a definire il proprio rischio cardiovascolare, con particolari esami clinici mirati. Dopodiché è essenziale verificare i livelli di omocisteina a distanza di circa 2 mesi dall’inizio della messa in atto delle indicazioni alimentari.
Uno studio norvegese ha verificato che riducendo l’intake della caffeina per almeno 6 settimane si poteva assistere ad una riduzione di almeno il 10% dei valori di omocisteina plasmatica e ad una riduzione dei valori di colesterolo: il caffè agisce riducendo l’assorbimento di acido folico dal tratto intestinale, o interferendo nella sua utilizzazione attraverso alcune delle sue componenti.
Inoltre, è importante ricordare che l’Oxiprolina potenzia l’effetto dei folati, il Magnesio svolge un’azione sinergica di riduzione del rischio cardiovascolare. Anche il ridotto apporto di zolfo è in grado di influenzare i valori, perché senza lo zolfo l’omocisteina tende a disgregarsi per fornire al corpo la ancor più richiesta cisteina. La cisteina è molto importante per numerose reazioni all’interno dell’organismo e se i livelli sono troppo bassi, il corpo tende a disgregare anche il glutatione per produrre sempre più cisteina. In questo caso, quindi, calano i livelli dell’omocisteina ma anche del glutatione. Se non si ottengono buoni risultati ingerendo alimenti contenenti zolfo è possibile avere una carenza di molibdeno (un minerale necessario alla decomposizione dei solfiti che favorisce il metabolismo dei carboidrati e l’assimilazione dei grassi). Potrebbe quindi essere opportuno aumentare l’assunzione di questo minerale oltre che indagare sui motivi per cui esso è carente.

Dott. Francesco Garritano

 

Fonti bibliografiche:

  • Heilman K. Elevated Plasma Adiponectin and Decreased Plasma Homocysteine and Asymmetric Dimethylarginine in Children with Type 1 Diabetes. Scand J Clin Lab Invest. 2009;69(1):85-91
  • Cullen CE. Hypohomocystenemia: A Potentially Treatable Cause of Peripheral Neuropathology? Phys Med Rehabil Clin N Am. 2012 Feb;23(1):59-65
  • Akgul A. Low Total Plasma Homocysteine Level in Relation to Malnutrition, Inflammation, and Outcome in Hemodialysis Patients. J Ren Nutr. 2008 Jul;18(4):338-46
  • Mcrae M. Betaine Supplementation Decreases Plasma Homocysteine in Healthy Adult Participants: A Meta Analysis. J Chiropr Med. 2013 Mar; 12(1): 20–25
  • Aisen PS. A Pilot Study of Vitamins to Lower Plasma Homocysteine Level in Alzheimer Disease. Am J Geriatr Psychiatry. 2003 Mar-Apr;11(2):246-9
  • Christensen B. e al. Abstention from filtered coffee reduces the concentrations of plasma homocysteine and serum cholesterol–a randomized controlled trial. Am J Clin Nutr. 2001 Sep;74(3):302-7.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Iscriviti al Canale YouTubeYouTube dott. Garritano
CI SONO SEMPRE NOVITA' CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Iscriviti e rimani aggiornato

Leggi informativa

Il Dott. Francesco Garritano riceve a Milano, Roma, Cinisello Balsamo, Cosenza, Bari, Taranto, Catanzaro, Vibo Valentia, Tropea, Napoli, Taurianova, Cetraro, Catania

Prenota la Tua Visita Nutrizionale Subito!

Prenota
Segui la Pagina FacebookFacebook dott. Garritano

Notice: Undefined offset: 0 in /home/nutrizionista/public_html/nutrizionista/wp-content/themes/dfd-native/inc/loop/posts/post_single.php on line 279

Notice: Trying to get property of non-object in /home/nutrizionista/public_html/nutrizionista/wp-content/themes/dfd-native/inc/loop/posts/post_single.php on line 279
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}