Prevenire patologie e stress ossidativo si può? Contro lo stress ossidativo gli integratori giusti!

Prevenire patologie e stress ossidativo si può? Contro lo stress ossidativo gli integratori giusti!

 

Prevenire patologie conseguenti allo stress ossidativo è possibile… basta scegliere gli integratori giusti!

 

Esiste un integratore naturale ed in questo risiede la risposta nel prevenire e combattere l’attacco dei radicali liberi!

Stress ossidativo

 

I radicali liberi dell’ossigeno (ROS) sono prodotti in piccole quantità durante il normale metabolismo e vengono rapidamente rimossi dai meccanismi di difesa presenti nella cellula. Tuttavia in particolari situazioni, patologiche e non, la produzione di radicali liberi aumenta a dismisura in modo tale che la “barriera” di difese antiossidanti non è più in grado di neutralizzarli. Quando l’equilibrio tra fattori pro-ossidanti e fattori antiossidanti viene turbato a favore dei primi, si parla di una condizione patologica definita stress ossidativo.

Combattere e prevenire patologie e stress ossidativo si può?

Per prevenire lo stress ossidativo e patologie che da esso derivano innanzitutto è necessaria una buona alimentazione ricca di vitamine e minerali antiossidanti e una corretta e regolare attività fisica, ma spesso questo non basta!

Gli errati stili di vita e gli effetti dell’inquinamento si possono tradurre in una riduzione di biodisponibilità di ossigeno, macronutrienti e micronutrienti utilizzabili per far fronte alle esigenze vitali e possono portare potenzialmente all’instaurarsi di malattie a decorso acuto e cronico, in primis l’invecchiamento precoce, ma ancor più importante a una serie di quadri morbosi, spesso di natura degenerativa, in cui risulta essere spesso coinvolto il Sistema Nervoso Centrale. Esso infatti  rappresenta uno dei principali target dei ROS, di conseguenza lo stress ossidativo viene oggi considerato uno dei principali cofattori di malattie neurodegenerative quali morbo di Parkinson, morbo di Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica, ecc…

Per tale motivo, negli ultimi anni il tradizionale approccio terapeutico a queste patologie si sta sempre più aprendo al contributo, spesso determinante, degli integratori.

 

La risposta allo stress ossidativo: integratori cellfood

 

Un prestigioso posto nel vasto campo degli integratori spetta al Deutrosulfazyme (nome commerciale CELLFOOD), una soluzione colloidale in fase acquosa a base di aminoacidi, minerali e solfato di deuterio in tracce. Gli aminoacidi antiossidanti, quali cisteina, arginina, lisina, e i minerali antiossidanti, quali selenio, zinco e rame, di cui sente tanto parlare oggi, esercitano una potente azione antiossidante poiché sono in grado di difenderci dai ROS.

Il solfato di deuterio invece esercita una peculiare azione: una volta a contatto con l’acqua presente nel nostro corpo, ne indebolisce i legami, rendendo disponibile sia ioni idrogeno che ioni ossigeno per i processi metabolici.

L’idrogeno è utilizzato per tamponare l’acidità dei liquidi biologici, mentre l’ossigeno si rende disponibile per reagire con molecole di segno opposto e se, come accade di frequente, incontra un radicale libero, avente segno opposto, vi si lega.

Il risultato finale è la produzione di ossigeno molecolare e poiché questo non è introdotto con l’aria respirata, viene chiamato “ossigeno nascente” ed è prontamente disponibile per le cellule.

 

CELLFOOD si propone come un prodotto unico al mondo e può essere arricchito da altre componenti nutrizionali grazie alle sue nove formulazioni disponibili in commercio (otto sistemiche e una topica).

 

I LABORATORI CONFERMANO L’EFFICACIA DI CELLFOOD

Una recente ricerca condotta dall’Università degli Studi di Urbino, Dip.to Scienze Biomolecolari, Sez. Biochimica Clinica, ha dimostrato che CELLFOOD opportunamente diluito in acqua e alle giuste dosi esercita una potente azione antiossidante grazie ai suoi principi attivi estratti da fonti naturali non contaminate, quali piante, fossili, sorgenti minerali ed acque della Nuova Zelanda.
Nel lavoro condotto dal gruppo di ricerca del Prof. Canestrari dell’università urbinate è stato dimostrato che CELLFOOD esercita un effetto protettivo sia in modelli acellulari che nei confronti di cellule del sangue sottoposte a danno ossidativo.

Dallo studio in particolare è emerso che non solo CELLFOOD protegge dall’ossidazione le proteine e preserva le difese antiossidanti endogene, ma anche gli acidi nucleici (DNA in particolare).
Dagli studi sulle cellule del sangue altre importanti novità: CELLFOOD protegge gli eritrociti dai danni meccanici e dall’emolisi cellulare e preserva le normali difese antiossidanti del globulo rosso, in seguito a stimolo ossidativo.

Anche nei globuli bianchi CELLFOOD si è dimostrato efficace nel ridurre lo stress ossidativo intracellulare, confermando l’azione protettiva diretta contro i comuni ossidanti fisiologici, responsabili del danno ossidativo alle biomolecole quali grassi, proteine e acidi nucleici.


UTILE NEL PREVENIRE MA NON SOLO…

CELLFOOD trova ampia applicazione sia nella fase di prevenzione, nel contrastare o ritardare lo stress ossidativo, sia in quella di correggere  lo squilibrio del bilancio ossidativo nel corso di malattie croniche e degenerative.

 

Responsabile Studio Nutrilab

Dr. Francesco Garritano

autore2

 

 

 

 

 

 

 

Contattaci!

[vc_contact_form form_email=”francesco.garritano1976@gmail.com” form_name_field=”required” form_email_field=”required” form_phone_field=”required” button_type=”primary” button_outlined=”0″]

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}