Stitichezza o stipsi. Quali sono per la stitichezza i rimedi da attuare?

Stitichezza o stipsi. Quali sono per la stitichezza i rimedi da attuare?

 

Quando si parla di stipsi ci si riferisce ad un problema molto diffuso. Vediamo quali sono per la stitichezza i rimedi più utili.

FAQ: Salve Dottore, mi chiamo Enrica ed ho 35 anni, da molto tempo ormai ho un problema di stitichezza che si accompagna quasi sempre a digestioni difficoltose e flatulenza. La mia alimentazione è abbastanza sana e cerco di seguire sempre i consigli che trovo su vostro sito, tuttavia è un problema che mi crea non pochi fastidi cosa mi consigliate? Per la stitichezza ci sono rimedi efficaci?

Risposta

Gentile lettrice, il suo problema è molto diffuso e benché non abbia fornito molti dati sul suo stile di vita e sulla sua alimentazione cercheremo lo stesso di fornire risposte utili.

A volte il nostro intestino per vari motivi può risultare alterato e rispondere con stitichezza e costipazione; risulta perciò importante come primo step comprendere le cause iniziando magari con un Recaller Test.

Il Recaller Test ci aiuterà a scoprire eventuali reattività ai grandi gruppi alimentari in modo da poter impostare un corretto piano alimentare, concordato con il suo nutrizionista di fiducia, che miri alla riduzione dell’infiammazione.

In base sempre ai risultati del test si può scegliere se preferire o meno l’utilizzo di probiotici e soprattutto capire quando utilizzarli.

Stitichezza (o stipsi) quali sono i rimedi giusti?

Quando si ha un problema di stitichezza bisogna fare riferimento al consumo di fibre; l’intestino ne ha assolutamente bisogno per funzionare bene e quindi, prediligere il consumo di frutta e verdura ma anche di cereali integrali può rappresentare una mossa vincente.

L’altro step fondamentale riguarda l’idratazione, per la stipsi è consigliato infatti bere 2L di acqua al giorno da distribuire in modo corretto e da non concentrare solo durante i pasti (errore di molti che bevono soltanto a pranzo e cena).

Regolarizzare la distribuzione dei pasti e garantire il giusto apporto di nutrienti è di fondamentale importanza, quindi diamo il via alla giornata con una colazione ben bilanciata (se non sai come fare colazione clicca qui) e ricca, per poi proseguire con un pranzo che ci permetta di arrivare a cena con poco appetito e concludere con una cena leggera per non compromettere digestione e sonno.

Iniziare seguendo questi semplici consigli può essere d’aiuto per risolvere il problema ed eventualmente procedere con una giusta integrazione da concordare con il medico o il nutrizionista di fiducia.

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. F. Garritano

autore2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}