Dimagrire senza fatica? Si può! Bilancia contro bioimpedenziometria, quale scegliere?

Dimagrire senza fatica? Si può! Bilancia contro bioimpedenziometria, quale scegliere?

 

Vuoi dimagrire senza fatica? Getta via la bilancia e leggi qui!

Se vuoi dimagrire senza fatica leggi questo articolo! Sapevi che la bilancia è out? Un modo obsoleto di controllare la perdita di peso… oggi si opta per la bioimpedenziometria.

Getta via la bilancia pesapersone!

Può sembrare una frase un po’ provocatoria (soprattutto per i sostenitori delle diete ipocaloriche e tutta l’industria che c’è dietro) ma racchiude proprio l’ottica giusta in cui bisogna ragionare per capire come dimagrire senza  fatica. Perché?

Sappiamo ormai che la bilancia può darci solo una stima quantitativa e non qualitativa ovvero non può fornire indicazioni sulla nostra composizione e quindi distinguere se la perdita di chilogrammi è di grasso o di muscolo.

Ai sostenitori delle diete ipocaloriche tutto ciò non interessa perché ciò che propone una dieta da fame (regime alimentare che quindi prevede molte rinunce) è solo la discesa indiscriminata del peso, la quale può essere dovuta a perdita di liquidi  o di muscolo.

Mi spiego meglio; il nostro corpo è formato da varie componenti e quando ci mettiamo in testa di seguire una dieta dimagrante dobbiamo necessariamente conoscere quanta massa grassa dobbiamo perdere nonché monitorare muscolo e idratazione.

Per tale motivo gli unici parametri totalmente attendibili sono quelli forniti da un esame bioimpedenziometrico o bioimpedenziometria così da avere una stima degli effettivi chilogrammi di grasso da perdere.

Una volta effettuata la BIA non resta che iniziare a mangiare bene!

Come dimagrire senza fatica?

Ecco per voi alcuni consigli per dimagrire senza fatica e soprattutto per non riprendere i chilogrammi persi una volta smessa la dieta!

  1. Abbandona qualsiasi idea di dieta ipocalorica

Le diete ipocaloriche offrono una perdita di peso rapida (troppo) e soprattutto non solo di massa grassa, quindi portano a demuscolazione e disidratazione, con tutte le conseguenze che queste hanno sul metabolismo e sulla salute in generale.

  1. Inizia a mangiare integrale

I carboidrati raffinati hanno un assorbimento più rapido rispetto ai loro parenti integrali, perciò una volta ingeriti causano dei picchi glicemici e conseguente secrezione elevata di insulina. I picchi glicemici rappresentano una delle dinamiche alimentari che più favorisce l’ingrassamento nonché portano ad una condizione di ipo-glicemia reattiva che ha come conseguenza l’aumento dell’appetito poco tempo dopo aver mangiato.

  1. Muoviti!

L’uomo non è fatto per stare fermo. Non ci stancheremo mai di dire che bisogna muoversi: vanno bene tutti gli sport che ci appassionano, le camminate a passo sostenuto e tutto ciò che permette all’organismo di trovare una corretta forma fisica.

  1. Fai colazione

Non c’è attivatore metabolico migliore di una ricca e completa colazione al mattino, effettuata entro un’ora dal risveglio. Se non sai come fare colazione clicca qui.

Seguendo questi consigli si può sicuramente dimagrire senza fatica ed assumere uno stile di vita che duri sempre negli anni e che non sia soltanto l’ennesima dieta del momento.

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. F. Garritano

autore2

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}