01.
CHE COS'E'
LA FIBROMIALGIA?
Leggi...
02.
CRITERI DIAGNOSTICI
E SINTOMI
Leggi...
03.
MECCANISMI ALLA
BASE DEL DOLORE
Leggi...
04.
TEST ED
ANALISI UTILI
Leggi...
05.
FIBROMIALGIA ED
ALIMENTAZIONE
Leggi...
06.
INTEGRATORI CONSIGLIATI
Leggi...
07.
PRATICHE UTILI
IN FIBROMIALGIA
Leggi...
08.
PRENOTA LA
TUA VISITA
Leggi...
Biologo Nutrizionista, Dottor Francesco Garritano, La Fibromialgia

1. Che cos’è la fibromialgia?

La fibromialgia o sindrome fibromialgica è una patologia molto complessa che potrebbe essere classificata come una patologia reumatica ma anche infiammatoria ma in realtà non è né una patologia reumatica in senso stretto né una patologia infiammatoria; potrebbe essere definita anche una patologia autoimmune in quanto ha caratteristiche tipiche delle malattie autoimmuni ma non possiamo nemmeno definirla tale, infine, ultimi studi la hanno classificata anche come patologia mitocondriale per i motivi che ritroverete scritti fra le cause della fibromialgia. La definizione classica di fibromialgia accettata dalla Comunità Scientifica è: “la fibromialgia è una forma di reumatismo extra-articolare generalizzato, caratterizzata da dolori cronici, rigidità, astenia, nonché da tensione a carico dei muscoli, dei tessuti peri-articolari e delle inserzioni tendinee; si accompagna ad una aumentata e spiccata sensibilità dolorosa in siti anatomici specifici, definiti tender point”. È una patologia non solo a carico dei muscoli ma più precisamente a carico dei nervi che innervano i vari organi, tra cui anche i muscoli, e causa dolore cronico diffuso.

Tra i tanti fattori coinvolti nell’insorgenza di questa patologia vi sono quelli genetici, ambientali e psicologici, ma vi sono altri fattori aggravanti come posture errate tenute a lungo, l’esposizione al freddo e all’umido, sforzi e movimenti ripetitivi, brusche variazioni della pressione atmosferica, affaticamento psicofisico, sedentarietà, traumi da incidenti e situazioni stressanti.

La fibromialgia è una patologia in forte crescita, si stima che la prevalenza a livello internazionale sia compresa tra il 2-3% e l’8%. L’età di prevalenza è fra i 20 e i 50 anni ma è in crescita anche nei bambini e negli anziani. È una patologia che prevale nelle donne con un rapporto uomini/donne di 1 a 9. Prima di avere una diagnosi certa le persone sono costrette a consultare diversi specialisti e questo causa in loro una condizione di forte malessere che spesso sfocia in depressione. Addirittura questa patologia spesso viene definita una malattia immaginaria in quanto si presenta anche con sintomi di tipo psicologico, ma non è così in quanto la patologia nasce da una disfunzione organica alla quale si associano, successivamente, sintomi psicologici. Poiché questa patologia colpisce soprattutto le donne è di fondamentale importanza la comprensione da parte di tutta la famiglia.

Per quanto riguarda il trattamento della fibromialgia, ad oggi si basa essenzialmente sulla terapia farmacologia, mentre, invece, il trattamento dovrebbe essere multifattoriale, ovvero, al trattamento farmacologico bisognerebbe affiancare il trattamento non farmacologico costituito da una sana alimentazione, una costante attività fisica ed una adeguata integrazione che vada a sopperire le eventuali carenze nutrizionali. Il trattamento deve essere effettuato al fine di ripristinare il normale funzionamento dell’organismo e non deve essere soltanto un trattamento palliativo.

Iscriviti al Canale YouTubeYouTube dott. Garritano
CI SONO SEMPRE NOVITA' CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Iscriviti e rimani aggiornato

Leggi informativa

Il Dott. Francesco Garritano riceve a Milano, Roma, Cinisello Balsamo, Cosenza, Bari, Taranto, Catanzaro, Vibo Valentia, Tropea, Napoli, Taurianova, Cetraro, Messina

Prenota la Tua Visita Nutrizionale Subito!

Prenota
Segui la Pagina FacebookFacebook dott. Garritano