Fegato: quali i valori dagli esami del sangue che ci indicano un fegato con patologie?

Fegato: quali i valori dagli esami del sangue che ci indicano un fegato con patologie?

 

Fegato, gli esami del sangue : quali sono i valori che dobbiamo guardare per prenderci cura del nostro fegato ed evitare patologie?

Quali sono per il fegato i valori di riferimento e gli esami del sangue possono sempre indicare patologie? Fegato ed esami del sangue.

Tenere sotto controllo la salute del nostro organismo con gli esami del sangue effettuati con la giusta frequenza è di fondamentale importanza se si vuole monitorare il proprio stato di benessere.

Tra i più importanti organi del nostro apparato vi è di sicuro il fegato ovvero quel grande organo che ci aiuta a metabolizzare farmaci e sostanze, che produce proteine, enzimi, bile,  fattori di coagulazione e che contribuisce al mantenimento del nostro equilibrio ormonale.

Quali sono gli esami ed i valori del fegato che annunciano o meno patologie?

Vista l’importanza delle funzioni svolte dal fegato risulta logico prendersi cura di questo organo dal ruolo vitale, con regolari esami partendo dalle analisi del sangue;  avere un buon quadro epatico ci aiuta a capire lo stato di salute del fegato ed eventuali patologie.

Il fegato può essere interessato da varie patologie che possono arrecare danni più o meno gravi all’organo quali cirrosi, epatiti, forme tumorali, ostruzione dei dotti biliari; le malattie del fegato sono spesso asintomatiche fino a quando non raggiungono uno stadio piuttosto avanzato ed è per questo motivo che bisogna prevenirle con esami regolari e con un corretto stile di vita.

Infatti avendo un quadro epatico è possibile misurare gli enzimi, le proteine ed in generale le sostanze prodotte dalle cellule del fegato sia sane e sia malate e quindi è possibile ottenere una stima della funzionalità d’organo.

Quali sono  per il fegato i valori  più comuni da verificare?

Fegato quali valori:

  • ALT (alanina aminotransferasi) enzima che si trova in prevalenza nel fegato ed è utile per evidenziare una epatite, raggiunge livelli alti in pazienti affetti da epatite acuta mentre un aumento più modesto può essere dovuto ad una epatite cronica;
  • AST (Aspartato aminotransferasi) enzima che si trova nel fegato ed anche nel cuore ed altri muscoli, i valori dell’AST aumentano molto in caso di epatite acuta mentre sono più moderati o più alti del normale in caso di epatite cronica Invece quando il danno epatico è causato dall’alcool, spesso l’AST è molto più alta dell’ALT (caratteristica delle malattie epatiche di origine alcolica).
  • ALP (Fosfatasi alcalina) enzima prodotto a livello di dotti biliari, ossa, intestino e placenta (in gravidanza), valori elevati inducono spesso una ostruzione dei dotti biliari, cirrosi e tumori al fegato;
  • Albumina, proteina prodotta dal fegato il cui livello può variare a seconda della funzionalità di fegato e reni.
  • Bilirubina

-Diretta: misura la bilirubina coniugata presente nel fegato, se più alta di quella non coniugata significa sostanzialmente che le cellule epatiche non riescono a smaltire bene la bilirubina e quindi ci si potrebbe trovare in condizione di epatiti o reazioni ai farmaci;

-Totale: misura la quantità totale di bilirubina nel sangue, se molto elevata possiamo essere in presenza di ittero;

Quindi ad esempio una lesione del fegato può essere descritta da valori di bilirubina e di transaminasi alti (ALT più alta dell’ AST), una cirrosi da valori delle transaminasi alti con AST più alta dell’ALT, una ostruzione dei dotti biliari può presentare valori di ALP elevati anche quattro volte in più rispetto ai valori normali e così via.

Prendersi cura di se stessi con analisi periodiche ed un corretto stile di vita è la scelta giusta verso una corretta prevenzione.

Responsabile Studio Nutrilab

Dott. Francesco Garritano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}