Allergie stagionali e raffreddore: il mese di maggio e le cross reattività!

Allergie stagionali e raffreddore: il mese di maggio e le cross reattività!

Siamo finalmente entrati nel mese di maggio, le temperature più miti si fanno sentire, i prati sono fioriti, la natura si risveglia. Ma anche gli acciacchi iniziano a prendere piede: quegli acciacchi dovuti proprio alla natura rigenerata che si avverte nell’aria, nei fiori: vengono fuori le allergie. Però, con un sistema immunitario forte, possiamo fronteggiare al meglio il momento, per tale motivo ho scritto quest’articolo per voi. Buona lettura!

Allergie stagionali e mese di maggio

Il mese di maggio sta iniziando bene con delle temperature davvero gradevoli. Le giornate iniziano ad allungarsi, tutto attorno a noi inizia a colorarsi, tuttavia c’è chi la vive un po’ male questo inizio di primavera, anche in seguito alla fase 2 che stiamo vivendo, ma non solo: parlo degli allergici, che tra starnuti, occhi rossi e sintomi da stanchezza e mal di testa, non se la passano proprio bene.
Purtroppo alla base dei fenomeni dell’allergia da polline, da fiori, c’è sempre l’infiammazione che caratterizza lo stato patologico. Il mio intento è quello proprio di farvi capire che, prima ancora di imbottirvi di antistaminici e farmaci per ogni minimo sintomo, restando a casa e magari non godendovi al meglio le giornate, è il caso di rinforzare in maniera efficiente il sistema immunitario e provvedere  a controllare lo stato di infiammazione nell’organismo.

Cross reattività nel mese di maggio: cosa sono?

Per cross-reazione si intende un meccanismo immunologico che insorge in risposta a un particolare antigene che causa reattività ad altri antigeni strutturalmente simili al primo.
Ad esempio, in questa stagione sono molto diffuse le allergie ai pollini ambientali: esistono cross-reazioni alimentari specifiche in grado di peggiorare il quadro sintomatologico, per cui -ad esempio- un soggetto allergico alle Graminacee che in questo periodo mangia pomodori o kiwi avrà maggiore bruciore agli occhi o maggiore lacrimazione.
Le sindromi da cross-reattività sono state descritte tra specie filogeneticamente vicine (la breve distanza tassonimica rende più probabili reazioni cross-allergeniche); tuttavia esistono anche cross-reattività tra specie filogeneticamente distanti: in questi casi le proteine responsabili della reazione sono in genere considerate come panallergeni (ossia sono altamente in grado di determinare sindromi pseudo-allergiche secondarie).

Ben il 70% delle persone allergiche alle Betulacee (betulla, ontano, nocciolo) presenta CR con vegetali della famiglia delle Apiacee/Umbellifere: sedano, finocchio, carota, prezzemolo e cumino. E’ stata ampiamente descritta anche la CR con le Rosacee, in particolar modo le mele; fanno parte della famiglia delle Rosacee anche gli alberi da frutta a nocciolo (pesche, ciliegie, susine, nespole, albicocche), il mandorlo e il pero.
Il periodo di fioritura delle Betulacee va da metà febbraio fino ad aprile: in questi mesi i soggetti allergici dovrebbero evitare di consumare la frutta e la verdura sopra elencata per tenere il più possibile sotto controllo i sintomi. Ovviamente chi è allergico alle Betulacee dovrebbe mangiare con molta moderazione le nocciole (la pianta è direttamente appartenente a questa famiglia).

L’allergia al polline delle Composite (Asteracee) comporta attenzione a tutte le specie alimentari appartenenti a questa famiglia: lattuga, tarassaco, radicchio, cicoria, cardo, carciofo, topinambur, girasole (e semi di girasole). Esistono CR tra Composite e Curcubitacee (in particolare cocomero e melone, ma anche cetriolo e zucchine).
Il periodo di fioritura delle Composite si prolunga da giugno-luglio ad ottobre.

La Graminacee (Poacee) sono probabilmente le piante che determinano più fenomeni allergici, sia a livello ambientale (pollini) che a livello alimentare; fanno parte di questa famiglia i 5 cereali: avena, orzo, granturco (mais), segale e frumento (grano tenero, grano duro e farro). Le Graminacee, il cui periodo di pollinazione è a due riprese (aprile-luglio e agosto-settembre), presentano CR con Composite (anguria e melone), pomodoro, kiwi e arance. Alcuni pazienti sembrano registrare maggiori fastidio agli occhi (lacrimazione e bruciore) anche a seguito del consumo di frutta a nocciolo (prugne, albicocche, susine, ciliegie…).

L’ultima cross-reazione che voglio citare non riguarda i pollini, ma un prodotto molto diffuso a livello industriale: il lattice. Più del 50% dei pazienti allergici al lattice presenta CR con alcuni frutti, in particolare scatenano sintomi preoccupanti per la salute banana, avocado, castagna e kiwi. Anche papaya e pomodori sono collegati all’allergia al lattice, ma il quadro sintomatologico è meno preoccupante.

Allergie stagionali: stile di vita e alimentazione

Innanzitutto, durante il  cambiamento di stagione verso la primavera, consiglio di adottare quegli accorgimenti alimentari e quelle accortezze nello stile di vita che mirino a rinforzare il sistema immunitario e a preservare lo stato di benessere. I consigli pratici sono i seguenti:

  • Fare una colazione abbondante, per mantenere attivo il nostro metabolismo e attivare positivamente i segnali all’interno del nostro corpo;
  • Valorizzare frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine e sali minerali, coadiuvanti nelle funzioni metaboliche e con capacità antiossidanti e curative;
  • Ripartire bene la composizione dei pasti e mangiare a sufficienza, per attivare i giusti segnali tiroidei e favorire anche una migliore risposta immunitaria;
  • Preferire centrifugati ed estratti di frutta di stagione e verdure locali, come bevanda funzionale da assumere tra i pasti, puntando alla valorizzazione dei micronutrienti;
  • Bere acqua in abbondanza;
  • Praticare attività fisica e mantenere il corpo forte e attivo;
  • Indossare gli indumenti idonei per la stagione in corso ed evitare di rimanere né troppo scoperti né eccessivamente imbacuccati;
  • Evitare posti affollati in cui c’è molta umidità;
  • Cercare di evitare i prodotti lattiero-caseari in quanto aumentano la produzione di muchi;
  • Evitare cibi fritti che aumentano il grado di infiammazione all’interno del nostro organismo;
  • Variare le abitudini quotidiane sia alimentari, sia nell’attività fisica;
  • Rispettare i ritmi cronobiologici e valorizzare la quantitàe la qualità del sonno ristoratore, per far partire al meglio le giornate ed essere carichi e positivi;
  • Valorizzare l’assunzione di acidi grassi omega-3 anti-infiammatori nella dieta, rappresentata dal pesce (soprattutto pesce grasso), salmone, tonno, sgombro, sardine, aringhe, merluzzo; in generale il pesce azzurro è ricco di omega-3. Si consiglia di prediligere il consumo di pesce fresco, variando le specie e limitando il consumo di pesci grandi e predatori le cui carni possono contenere maggiori quantità di contaminanti derivanti dal fenomeno del bio-accumulo.

Allergie stagionali: rimedi utili

E per quanto riguarda l’integrazione? Un ruolo importante, come ho già detto, è costituito dai micronutrienti nella dieta, per cui risulta utile integrare:

  • Olio di perilla, che supporta le fisiologiche difese organiche;
  • Olio di ribes nero, favorisce l’integrità e la funzionalità delle membrane cellulari;
  • Inositolo;
  • Zinco, antiossidante;
  • Manganese, antiossidante in sinergia con lo zinco;
  • Betaglucani, rinforzano le difese dell’organismo;
  • Rame;
  • Vitamina C;
  • Vitamina D, un importante regolatore dell’omeostasi calcio-fosforo, del controllo del metabolismo osseo ma soprattutto del sistema immunitario. Si può utilizzare insieme con la vitamina k2, che ne veicola meglio l’assorbimento. Vi invito ulteriormente anche a leggere ulteriori notizie positive riguardo i benefici che si traggono da questa vitamina, cliccando sul seguente link.
  • Selenio;
  • Probiotici con funzione antiallergica (in particolare L. rhamnosus e L. paracasei) si affiancano agli altri strumenti terapeutici integrandoli efficacemente.

Bisogna prestare molta attenzione ai prodotti da utilizzare e alla forma farmaceutica per mezzo della quale sono costituiti: per esempio molte volte si possono ritrovare glutine, lattosio, zucchero, tutte sostanze da tenere alla larga per evitare di incrementare i fenomeni da infiammazione.

 

Dott. Francesco Garritano

 

Fonti bibliografiche:

  • Cervellin G. et al. Spring season birth is associated with higher emergency department admission for acute allergic reactions. Eur J Intern Med. 2016 Mar;28:97-101.
  • B.E.Garcìa, M.T.Lizaso – Cross-reactivity syndromes in food allergy – J Investig Allergol Clin Immunol. 2011;21(3):162-70

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Iscriviti al Canale YouTubeYouTube dott. Garritano
CI SONO SEMPRE NOVITA' CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Iscriviti e rimani aggiornato

Il Dott. Francesco Garritano riceve a Milano, Cinisello Balsamo, Bologna, Roma, Napoli, Bari, Taranto, Cosenza, Catanzaro, Tropea, Taurianova, Catania

Prenota la Tua Visita Nutrizionale Subito!

Prenota
Segui la Pagina FacebookFacebook dott. Garritano
div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.francescogarritano.it/nutrizionista/wp-content/uploads/2017/05/garritano.jpg);background-size: cover;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 650px;}